I capelli dread nascono all’interno della cultura giamaicana e nel rastafarianesimo, una religione monoteista che si è diffusa nel mondo soprattutto grazie al cantante Bob Marley.

dreadlocks si possono realizzare sia affidandosi a un parrucchiere, sia a casa, meglio se con una persona che possa aiutarti. L’importante è armarsi di molta pazienza e avere a portata di mano alcuni strumenti facili da reperire quali un pettine con i denti stretti, degli elastici, della cera per capelli e un uncinetto per rifinire e domare i ciuffi più ribelli.

COME REALIZZARE I DREAD

I capelli dread possono essere realizzati su ogni tipo di capello ma è bene sapere che si ottengono più facilmente sui capelli ricci e mossi, in quanto tendono ad annodarsi in modo più veloce e semplice.

Vediamo insieme quali sono gli step per realizzare i dread.

1. Lavare i capelli con uno shampoo purificante e sebo-regolatore ed evitare di utilizzare il balsamo o altri prodotti, come maschere idratanti e creme riparatrici, che possono ostacolare la realizzazione dell’acconciatura.

2. Dopo aver asciugato i capelli bisogna suddividerli in piccole ciocche di uguali dimensioni e fermare ognuna con degli elastici per evitare di intrecciare le ciocche fra loro.

3. Cotonare le ciocche con un pettine a denti stretti, dal basso verso l’alto e cioè dalle punte verso le radici. Questo procedimento va ripetuto diverse volte fino a quando tutte le ciocche risulteranno ben aggrovigliate e intrecciate fra loro.

4. Dopo aver cotonato tutti i capelli, con le mani bisogna rigirare la ciocca fra le dita fino a che questa risulterà ben annodata e rigida. Questo passaggio può essere eseguito sia a mano libera sia con l’ausilio di prodotti specifici come la cera per capelli; mentre se si desidera un finish più definito il consiglio è di usare un uncinetto dalla punta molto piccola in modo da riuscire ad annodare meglio tutta la ciocca.

COME SI USA L’UNCINETTO PER REALIZZARE I DREAD?

L’uncinetto va inserito orizzontalmente e perpendicolare alla ciocca.

Il movimento da fare è quello di infilarlo dentro e fuori il singolo dread, agganciando alla punta i ciuffi più ribelli in modo da ottenere un rasta molto più definito, ordinato e rigido.

COME MANTENERE I DREAD

Per mantenere e curare i capelli dread bastano semplici accorgimenti.

Noi abbiamo chiesto un parere a Grazia Cassanelli del salone Grant Parrucchieri: “è importante che il dread si saldi bene perciò è sconsigliato lavarlo spesso, proprio per questo si era creato il mito secondo cui i dread non possano essere lavati. Personalmente, consiglio di lavare poco i dread poiché si rischia che si disfino, di lavare soprattutto la cute e di utilizzare shampoo naturali, non troppo schiumosi per evitare che si infiltrino all’interno delle ciocche.”

Evita poi l’utilizzo di balsamo o altri prodotti idratanti che rischierebbero di districare le ciocche e ricorda che la tecnica del retwisting, ossia intrecciare i capelli fra loro, va ripetuta almeno due volte a settimana.

Dopo aver lavato i capelli bisogna strizzarli bene per eliminare l’acqua in eccesso. Per l’asciugatura consigliamo il phon professionale CLASSIC, leggero e potente, che ti permette di realizzare asciugature delicate e ultrarapide.

Classic

Phon leggero, silenzioso e ultrarapido nell'asciugatura